Le origini del folklore baranellese

Da "Le Pacchiane de Varanielle" a "Le Bangale" Compagnia di Cultura Popolare

NOVANTA ANNI DI CULTURA POPOLARE

 

Come nasce la tradizione Folkloristica baranellese

Nei primi anni del novecento le ultime nonne ancora vestite in costume tradizionale hanno saputo coltivare nei loro figli e nei loro nipoti il rispetto e l'amore per il costume baranellese prezioso e carico di simbolismi strettamente legati ai rituali di una civiltà semplice genuina e con un gran rispetto per il lavoro e la famiglia.

Da questo crescente amore e rispetto verso la propria identità nasce occasionalmente il gruppo Folkloristico Baranellese negli anni venti del novecento (1923 medaglia d’oro alvestito da sposa di Baranello nel raduno dei costumi del centro sud tenutosi a Pescara). L’ obbiettivo perseguito dai cultori delle tradizioni popolari era quello di conservare gelosamente i capi tradizionali indossati dalle donne e dagli uomini della seconda metà dell'ottocento e divulgare le tradizione del popolo baranellese legato fortemente al lavoro ed al matrimonio, momento sociale importante in quanto fondamento della futura famiglia.

Le pacchiane di Varanielle

Nel 1936 il Dott. Luigi Carugno, allora Consulente Generale del Folklore nel Molise, costituì un organo effettivo, informalmente denominato, “Le pacchiane de Varanielle” che partecipò alla cerimonia di chiusura dei giochi olimpici di Berlino.

Il secondo conflitto mondiale costrinse “Le pacchiane de Varanielle” ad interrompere il loro percorso culturale.

Nel 1946, la voglia di lasciarsi alle spalle la triste guerra, spinse il Dott. Carugno, e tutti coloro che ne condividevano la passione per le tradizioni di Baranello, ad iniziare di nuovo l’attività di divulgazione. Il dott. Carugno dal 1946 al 1968 sarà presidente e direttore artistico delle pacchiane, nonché autore si numerose canzoni (Varaniele s’è cagnate, L’amore a varanielle, Spensieratezza ecc), in collaborazione con il cugino Marcello Carugno.

Seguirà al dott Carugno il presidente Giovanni Mastrangelo che curerà le attività delle pacchiane fino al 1974.

Associazione “Le Bangale” Compagnia di Cultura Popolare

Nel 1974 “Le pacchiane de Varanielle” da semplice aggregazione di estimatori ed appassionati diventa Associazione Culturale “Le Bangale”.

Per oltre 10 anni  “ Le Bangale” sarà presieduta dal rag. Claudio Niro (ancora oggi la mente storica del gruppo). Nel 1987, fino al 2008, la presidenza sarà curata dal carismatico Prof. Giovanni Di Risio, grande poeta dialettale contemporaneo, e la direzione artistica sarà affidata all’insegnante Armonia Mandes.

Nel  Gennaio del 1990  davanti al notaio Riccardo Ricciardi i signori: Giovanni Di Risio, Giovanni Di Biase, Armonia Mandes, Assunta Zullo, Maria Vittoria Ziccardi e Antonio Parmentola, costituiscono l’associazione Culturale denominata “ Le Bangale” Compagnia di Cultura Popolare il cui primario obiettivo è la promozione di attività indirizzate al recupero ed allo studio delle tradizioni popolari dell’area baranellese ed in generale molisana, alla sistemazione critica del materiale, alla trasposizione artistica dei contenuti per la diffusione in Italia e all’estero.

Nell’estate del 2008 il Prof. Giovanni Di Risio volontariamente decide di non avere più l’incarico di presidente e, l’assemblea, riconosciuti i suoi meriti artistici culturali e letterali, lo nomina Presidente onorario.

Nell’ottobre del 2008 con una nuova votazione dell’assemblea viene affidata la direzione della CCP “Le Bangale” ad un nuovo direttivo costituito da elementi che sono soci ordinari della CCP da più di 20 anni. Con votazione interna al nuovo direttivo la presidenza è affidata alla Prof.ssa Paola Pinelli, che collabora in stretta sinergia con le altre  importanti figure: il segretario sig.re Aldo Vivenzio, il tesoriere dott.ssa Rosalba Carnevale e con i rapprsentanti dell’assemblea Marco Manocchio e il dott. Giovani Mattei.

 

 Storyline “Le Bangale”

(sono menzionati solo alcune tra le esperienze più prestigiose)

 

 

-          1923 1° Premio-Medaglia d’oro al Raduno dei Costumi delle Regione del Centro Sud PESCARA

-          1936 cerimonia di chiusura Olimpiadi di Berlino (Germania)

-          1938 Raduno Nazionale dei Costumi Regionali ROMA

-          1950 Raduno Internazionale del Folklore NIZZA

-          1957 Agosto Messinese MESSINA

-          1979,1983, 2003 Festival Internazionale LORETO

-          1982 Trasmissione Televisiva Portobello (RAI) ROMA

-          1983 Festival Internazionale Riec sur Belon (FRANCIA)

-          1984 Esibizione al Teatro Petruzzelli BARI

-          1984 Raduno Internazionale del Folklore AURILLAC (Francia)

-          1985 Festival Mondiale del Folklore MONACO DI BAVIERA (Germania)

-          1985  Raduno Internazionale del Folklore SALISBURGO (Austria)

-          1987  secondo posto al concorso al festival Mondiale del Folklore PALMA DE MALLORCA (Spagna)

-          1987 Esibizione a Castel Sant’Angelo ROMA

-          1988,1989 Tevere Expò Roma

-          1991 Organizzazione del festival Mondiale del Folklore Itinerante con cerimonia di Chiusura nel teatro dell’Altilia di Sepino

-          1991 ad oggi Organizzazione de “I Rituali del Matrimonio” Trasposizione storica degli antichi rituali di preparazione ed esecuzione del matrimonio ottocentesco contadino

-          1992 Festival Internazionale del Folklore BISTRITA (Romania)

-          1992 Scambio Culturale con Le Comunità Italiane  Bruay-sur-l'Escaut (Francia)

-          1992 Scambio Culturale con Le Comunità Italiane  HERSTAL (Belgio)

-          2003 Scambio Culturale con Le Comunità Italiane  BEDFORTD (Inghilterra)

-          2011 Organizzazione Convegno “La cultura Popolare foriera di crescita culturale” con la partecipazione del presidente della Consulta Scientifica della FITP e di Comunità di Indiani Sikh e famiglie provenienti dai monti della Carpazia Ucraina

-          2011 Festival Internazionale del Folklore RICCIA (CB)

 

CLICCA il logo PER LE NEWS
CLICCA il logo PER LE NEWS

lo spettacolo "Catarina Voce de lu passate"

Frosolone 2013premiata la sposa di Baranello